Home page
Fai diventare questo sito la tua Home Page Aggiungi questo sito tra i tuoi preferiti Contattaci    
 
 


Home Page > News > Impianti ascensori e verifica di sicurezza

Impianti ascensori e verifica di sicurezza

 

UNA OPPORTUNITA’ O UN PROBLEMA?

 

 

E’ stato pubblicato sulla gazzetta ufficiale n° 189 del 17 agosto 2009 il decreto del ministero delle attività produttive n° 109 del 23 luglio 2009 riguardante il miglioramento   della   sicurezza  degli  ascensori installati prima del 24 giugno 1999 ( data di entrata in vigore del D.P.R. n° 162-99 che ha recepito nella normativa italiana la direttiva ascensori 95/16/CE)

Il decreto in argomento impone l’obbligo di effettuare la verifica di sicurezza  di tutti gli impianti installati prima del 24 giugno 1999.

Il proprietario o il legale rappresentate del proprietario dell’impianto è colui che ha l’obbligo di far effettuare la verifica di sicurezza.

Qualora la verifica di sicurezza evidenzi eventuali carenze sarà necessario eseguire gli adeguamenti  che il verificatore reputa necessari.

La verifica di sicurezza prevista da questo decreto si aggiunge alla verifica periodica biennale già prevista dalle normative vigenti

La verifica di sicurezza  va eseguita  entro i seguenti termini

entro due anni da 1° settembre 2009  per gli ascensori istallati prima del 15 novembre 1964;

entro tre anni dal  1° settembre 209  per gli ascensori installati prima del 14 ottobre 1979;

entro quattro  anni dal  1° settembre 209  per gli ascensori installati prima del 9 aprile 1991;

entro cinque anni dal  1° settembre 209 per gli ascensori installati prima del 24 giugno 1999.

Se l’ascensore o il luogo di installazione sono protette dalla Sovraintendenza alle Belle Arti e si ritiene non possibile, per detta ragione, un qualche adeguamento di sicurezza, il proprietario dell'ascensore puo' fare certificare la  speciale situazione da un   ingegnere o architetto iscritto  all'albo. In  questo  caso particolare  l'ente che effettua e verifiche periodiche, dà il suo parere sull'impossibilita'  dell’adeguamento e indica le misure di compensazione  che  il  proprietario  deve  mettere in opera.

Come detto l'ente che ha effettuato l'analisi dei rischi, prescrive gli interventi di  adeguamento  sull'impianto,  che  dovranno  essere attuati entro cinque o dieci anni a seconda del tipo di adeguamento.

 

Alcune situazioni  di  rischio che comportano interventi più radicali e costosi possono essere eliminate  in  occasione  di  interventi  significativi di  modernizzazione degli impianti.

Gli   enti  che eseguono le  verifiche  periodiche  hanno il compito di verificare l’esecuzione degli adeguamenti  prescritti  dalla verifica di sicurezza.

Nel caso in cui l’ente verifica che gli adeguamenti non sono stati eseguiti,  lo comunica  al competente   ufficio  comunale  per  i  provvedimenti  di  competenza.

Se non vengono eseguiti gli interventi previsti dalla verifica di sicurezza , entro i termini previsti, l'impianto ascensore non potra' essere tenuto in esercizio.

Pochè tra le considerazioni preliminari al decreto il ministero per le attività produttive  richiama  l'obiettivo  del  Governo  di  rilanciare l'edilizia oltre che perseguire l'obiettivo della messa in sicurezza degli  edifici  degli  impianti  tecnologici, un interrogativo è d’obbligo.

Si vuole effettivamente perseguire la sicurezza degli impianti ascensori o si vuole creare, in maniera surrettizia, uno stimolo all’economia nazionele?

Il dubbio è rafforzato dalla notizia che alcuni operatori del settore della manutenzione degli impianti ascensori hanno valutato che il costo degli interventi di adeguamento potrebbero aggirarsi mediamente attorno ai 15.000 euro per impianto.

Il decreto 108-09 rende obbligatorio gli interventi di adeguamento e perentori i termini per l’esecuzione delle verifiche e degli interventi a pena del blocco dell’impianto. 

Si è già aperto un ampio fronte polemico per la prevedibile stangata in arrivo per tutti i proprietari di impianti ascensori installati prima del giugno 1999.

Ing. Fernando Gioia



Torna alla pagina precedente
ICOREF Srl
Sede: Via Borghesano Lucchese, 26 - 00146 Roma (Rm)
Uffici: Via Cilicia, 35 - 00179 Roma (Rm)  - E-mail info@icoref.it <
ICOREF - C.F./P.IVA 04630351007 - Ver. 1.0 - Copyright © 2018 ICOREF S.r.L. - Disclaimer trattamento dati personali - Powered by Soluzione-web